federico la sala, LE ZITELLE E GLI ZITELLI, ILMODELLO OFFERTO DA PAPA BERGOGLIO

11 Mag
LE “ZITELLE” (E GLI “ZITELLI”). Il modello offerto da papa Bergoglio alle suore…. 
 
Scrivi commento — Leggi commenti ce ne sono (1)
Visite totali: (26) – Visite oggi : (26)
MESSAGGIO EVANGELICO E IMMAGINAZIONE CATTOLICO-COSTANTINIANA. L’ORDINE SIMBOLICO DELLA MADRE, L’ALLEANZA DEL FIGLIO (COSTANTINO) CON LA MADRE (ELENA), REGNA ANCORA COME IN TERRA COSI’ IN CIELO ….
LE “ZITELLE”, GLI “ZITELLI”, E LA CHIESA (ANCORA!) DEL “DOMINUS IESUS” RATZINGERIANO. Il modello offerto da papa Bergoglio alle suore. Una nota di Gian Guido Vecchi  
Bergoglio parla alle 802 superiori delle suore di tutto il mondo, riunite a Roma, con il suo stile insieme ironico e diretto. Come quando dice che la castità dev’essere «feconda» e generare «figli spirituali della Chiesa» e aggiunge, fra risate e applausi: «La consacrata è madre, dev’essere madre e non zitella! Scusatemi, parlo un po’ così…».
 
a c. di Federico La Sala
UOMINI E DONNE, FIGLI E FIGLIE DEL “PADRE NOSTRO”, DELL’AMORE DI DIO (“CHARITAS”): SACERDOZIO UNIVERSALE E SOVRANITA’ UNIVERSALE, MA NELLA CHIESA NON SOLO “ZITELLE”, MA ANCHE QUANTI “ZITELLI”! Il modello offerto dal Papa alle suore è ancora e sempre dentro l’orizzonte cattolico-costantiniano (“edipico”!):

 

 ________________________________________________________________________________
«Madri, non zitelle». Il modello offerto dal Papa alle suore
di Gian Guido Vecchi (Corriere della Sera, 9 maggio 2013)
«È una dicotomia assurda pensare di vivere con Gesù senza la Chiesa». Francesco cita Paolo VI ma nelle parole del Papa gesuita si avverte l’eco d’una celebre affermazione di sant’Ignazio di Loyola («quello che io vedo bianco lo credo nero, se lo stabilisce la Chiesa gerarchica») negli Esercizi Spirituali . Nel discorso del Papa c’è anche un riferimento sottotraccia alle suore (cosiddette) ribelli degli Usa, ma il richiamo di Francesco ai fondamentali – il Vangelo, il senso della Chiesa – vale per tutti, «uomini e donne».
Bergoglio parla alle 802 superiori delle suore di tutto il mondo, riunite a Roma, con il suo stile insieme ironico e diretto. Come quando dice che la castità dev’essere «feconda» e generare «figli spirituali della Chiesa» e aggiunge, fra risate e applausi: «La consacrata è madre, dev’essere madre e non zitella! Scusatemi, parlo un po’ così…».
Ma dei tre voti è l’obbedienza, la questione principale. Le suore chiedono il loro spazio («il ruolo della donna nella Chiesa deve cambiare, così come nella società», diceva la carmelitana Josune Arregui), talvolta non mancano tensioni coi vescovi. Così Francesco parla dell’obbedienza all’autorità e, d’altra parte, dell’autorità come «servizio» in senso evangelico, le parole di Gesù: «Chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo».
E torna a uno dei temi fondanti del pontificato, il primato della misericordia contro il fariseismo ipocrita: «Pensiamo al danno che arrecano al Popolo di Dio gli uomini e le donne di Chiesa che sono carrieristi, arrampicatori, che usano il popolo, la Chiesa, i fratelli e le sorelle – quelli che dovrebbero servire -, come trampolino per i propri interessi e le ambizioni personali. Questi fanno un danno grande alla Chiesa…».
Nella messa a Santa Marta il Papa ha ricordato che «Gesù ha parlato con tutti», come san Paolo: «Il cristiano che vuol portare il Vangelo deve sentire tutti!». Francesco allude al Concilio, «questi ultimi 50 anni, 60 anni sono un bel tempo». Perché invece, quand’era bambino, «si sentiva nelle famiglie cattoliche, nella mia: “No, a casa loro non possiamo andare, perché non sono sposati per la Chiesa, eh!”. Oppure perché socialisti, o atei…». Era «come un’esclusione». Però «adesso, grazie a Dio, non si dice». Allora «c’era una difesa della fede con i muri» ma «Gesù ha costruito ponti».
Le superiori rappresentano le 721.935 religiose del mondo, più di sacerdoti e religiosi messi assieme. Tra loro anche quelle della «Leadership Conference of Women Religious», l’associazione che rappresenta l’80 per cento delle 57 mila religiose Usa ed è stata «commissariata» dal Vaticano un anno fa perché accusata d’essere riottosa e liberal sui temi etici.
L’ex Sant’Uffizio ha detto che anche Francesco ha approvato il rapporto; il cardinale João Braz de Aviz, prefetto della vita religiosa, ha parlato del suo «dolore» per una decisione saputa all’ultimo, il Vaticano ha negato contrasti fra dicasteri. Di certo si lavora a comporre il dissidio, l’udienza di Francesco è il primo passo.
Altro che zitelle: «Che cosa sarebbe la Chiesa senza di voi? Le mancherebbe maternità, affetto, tenerezza! Intuizione di Madre…».
 
 
Venerdì 10 Maggio,2013 Ore: 16:52

«Il Dialogo – Periodico di Monteforte Irpino»
Prima Pagina/Home Page: 
www.ildialogo.org
Direttore Responsabile: 
Giovanni Sarubbi
Registrazione Tribunale di Avellino n.337 del 5.3.1996
 
Note legali — La redazione — Regolamento Forum

 
Commenti
Gli ultimi messaggi sono posti alla fine
 
Autore
Città
Giorno
Ora
Federico La Sala
Milano
10/5/2013
18.13
Titolo:PER UNA COMUNITÀ DI EGUALI di Janice Sevre-Duszynka
Disobbedendo agli uomini, obbediamo allo Spirito. L’omelia di una donna prete * 
 
DOC-2517. ROMA-ADISTA. «Abbiamo sempre chiesto un sacerdozio rinnovato in una Chiesa riformata. Ciò comporta la creazione di una comunità di uguali in cui tutti, e non solo il prete, condividano ed esprimano i doni dello Spirito». È questo il senso delle ordinazioni delle donne prete realizzate, dal 2002, in seno alla Women Ordination Conference e all’organismo Roman Catholic Women Priests, movimenti che insistono sulla propria appartenenza alla Chiesa cattolica e sulla corretta e valida ordinazione originaria di sette donne – quattro austriache, due tedesche ed una statunitense – effettuata il 29 giugno 2002 da un vescovo in successione apostolica, l’argentino mons. Romulo Antonio Braschi, fondatore della “Chiesa cattolica apostolica carismatica di Gesù Re”, considerata però scismatica dal Vaticano. È evidente che Roma non considera né legittime né valide tali ordinazioni, provvedendo a scomunicare automaticamente le persone coinvolte. 
Ma le donne prete, attualmente più di 150 in tutto il mondo, non demordono, continuando a rivendicare il sacerdozio femminile come una questione di giustizia nella Chiesa. Il 12 marzo scorso, all’apertura del Conclave che avrebbe eletto papa Jorge Mario Bergoglio, Janice Sevre-Duszynka, ordinata nel 2008, ha celebrato una messa presso la Comunità di Base di San Paolo a Roma, rivisitando le motivazioni e i valori che supportano la richiesta dell’ordinazione sacerdotale per le donne. 
È stato proprio a causa della partecipazione alla sua ordinazione e dell’appoggio alla causa delle donne che il noto prete pacifista p. Roy Bourgeois, missionario di Maryknoll, è stato scomunicato e successivamente espulso dalla sua congregazione religiosa e dimesso dallo stato clericale (v. Adista Notizie nn. 69/11 e 43/12). 
 
Di seguito pubblichiamo, in una nostra traduzione dall’inglese, l’omelia tenuta da Janice Sevre-Duszynka nel corso della celebrazione eucaristica svoltasi a Roma. (ludovica eugenio) 
 
_________ 
 
PER UNA COMUNITÀ DI EGUALI 
 
di Janice Sevre-Duszynka 
 
Il Cristo risorto apparve per primo a Maria di Magdala affidandole il compito di farsi apostola presso gli apostoli. Che cosa farebbe e direbbe oggi? Come Gesù, suo maestro, sfiderebbe le autorità religiose e civili schierandosi a favore degli emarginati, tra cui le donne, e facendo appello a relazioni di giustizia e di uguaglianza. 
 
Mentre si riunisce il Conclave, dove sono le donne? Dove sono gli uomini sposati? Dove sono i poveri? Dove sono i bambini e i giovani? Dove sono gli emarginati? Il Vaticano regala fiori alle donne, ma ciò che esse vogliono è la piena uguaglianza. Le donne prete sono qui! 
 
Gli uomini del Vaticano sono così vincolati da scegliere di ignorare – colpevolmente – il movimento dello Spirito nel popolo di Dio? Preghiamo per loro. Come può la Chiesa parlare di giustizia quando la gerarchia non mette in pratica ciò che predica? Diciamo ai nostri fratelli: non limitatevi ad aprire le finestre, come nel Vaticano II, ma spalancate le porte del Conclave e lasciate entrare il popolo di Dio. Lasciate entrare le vostre sorelle. 
 
La voce di Dio esprime nel nostro tempo la piena uguaglianza delle donne e degli uomini nella Chiesa e nella società, nel nostro mondo in cerca di comunità, di un legame profondo con lo Spirito presente nell’altro! 
 
I leader della nostra Chiesa, i cardinali, hanno avuto centinaia di anni per dire sì al sacerdozio delle donne e degli uomini sposati, riconoscendo il ruolo di tutti coloro che sono impegnati nella creazione di una Chiesa più inclusiva, di una comunità d’amore in cui tutti siano i benvenuti e ricevano i sacramenti. E la sentiamo, la voce dello Spirito che sorge dalla base del popolo di Dio! Le donne prete sono qui! 
 
Le nostre prime donne vescovo sono state ordinate da un vescovo uomo in una linea di successione apostolica, per promuovere la giustizia nella nostra Chiesa. Quante di noi hanno lavorato per anni nel movimento per l’ordinazione femminile hanno sempre affermato che, una volta che le donne fossero state ordinate, come lo siamo ora, non si sarebbe trattato solo di preti che si aggiungevano a preti. Abbiamo sempre chiesto un sacerdozio rinnovato in una Chiesa riformata. Ciò comporta la creazione di una comunità di uguali dove tutti, e non solo il prete, condividano ed esprimano i doni dello Spirito. La nostra funzione di donne prete è il servizio, non l’esercizio di un potere maggiore. Sono passati più di dieci anni da quando sette donne sono state ordinate sul Danubio, nel 2002. Nel 2006, 12 donne sono state ordinate a Pittsburgh: si è trattato delle prime ordinazioni negli Stati Uniti. Ora sono circa 150 in Europa, Stati Uniti, Canada e America Latina. 
 
Nel nostro modello di comunità di fede, tutti sono benvenuti, tutti hanno uguali diritti. Non costituiamo una gerarchia. Non vogliamo replicare il modello clericale. Ciononostante, è molto importante per noi ottenere giustizia per le donne prete, per le immagini femminili di Dio, per il modo in cui le donne esprimono il sacro, perché i vangeli siano interpretati a partire dalla nostra vita e dalla nostra morte in quanto donne, dalla vita e dalla morte degli uomini sposati, dei poveri e degli emarginati. Lo Spirito esige che le richieste delle persone siano ovunque ascoltate, soddisfatte e considerate pienamente giuste e sane. 
 
Le donne prete come noi sono state ordinate in una fase di passaggio. Dobbiamo rivendicare l’ordinazione come una questione di giustizia, per i nostri diritti di donne. Lo facciamo contra legem. Trasgrediamo una legge ingiusta ma restiamo all’interno della Chiesa cattolica. Il sacramento dell’Ordine deriva dal nostro battesimo, non dal genere. 
 
Consideriamo il nostro ruolo come servizio e guida, non come potere o esclusione. Nelle nostre comunità di donne prete pratichiamo una decisionalità condivisa in un “discepolato di uguali”. Celebriamo liturgie inclusive in cui tutti vengono accolti, tutti partecipano e tutti possono avvertire un senso di appartenenza. Vogliamo appartenere, in spirito di comunione, a comunità in cui poter esprimere i nostri più profondi bisogni, desideri e aspirazioni. Qui, il nostro modello di Chiesa si eleva nello Spirito. 
 
Poiché siamo tutti corpo di Cristo, nelle nostre celebrazioni eucaristiche tutti consacrano l’Eucaristia, tutti pronunciano l’omelia, tutti si benedicono reciprocamente. Tutti scrivono liturgie inclusive, incorporando tanto le immagini femminili quanto quelle maschili di Dio. Le donne prete rendono visibile il fatto che anche le donne sono immagini di Dio e quindi degne di presiedere all’altare. Vivono l’obbedienza profetica allo Spirito disobbedendo al diritto canonico, ingiusto, stabilito dall’uomo e discriminante nei riguardi delle donne nella nostra Chiesa. Il sessismo, come il razzismo, costituisce un peccato. Come Rosa Parks, il cui rifiuto di sedersi in fondo all’autobus nella zona riservata ai neri contribuì a innescare il movimento dei diritti civili, le donne prete non abbandonano la Chiesa, ma la traghettano verso una nuova era di giustizia e uguaglianza. Nessuna punizione, neppure la scomunica, potrà fermare questo movimento dello Spirito. 
 
In Austria, Germania, Irlanda, Spagna, Portogallo, Svizzera, Australia e Stati Uniti, preti, vescovi e teologi hanno manifestato il loro appoggio alle donne prete, ai preti sposati e alle comunità di fede inclusive. Seguono così le orme di p. Roy Bourgeois, il prete di Maryknoll recentemente scomunicato ed espulso dall’ordine, colpevole di aver profeticamente espresso la necessità di un dialogo sulle donne prete nella nostra Chiesa. Sostiene p. Bourgeois: «Il silenzio è la voce della complicità. Perciò chiedo a tutti i cattolici, ai preti, ai vescovi, al papa e a tutti i leader della Chiesa in Vaticano di esprimersi a voce alta in merito alla grave ingiustizia dell’esclusione delle donne dal sacerdozio». L’arcivescovo di San Salvador mons. Oscar Romero è stato assassinato per la sua difesa degli oppressi. «Lasciate – diceva – che coloro che hanno voce parlino per i senza voce». 
 
Il nostro Dio che ci ama ci ha dato la voce. Parliamo in modo chiaro e coraggioso e camminiamo, come avrebbe fatto Gesù, nella solidarietà con le donne nella nostra Chiesa, chiamate da Dio al sacerdozio. 
 
* Adista Documenti n. 14 del 13/04/2013
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: